Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Clima pianeta Terra a rischio: il collasso entro i prossimi 10 anni?

Pianeta Terra a rischio apocalisse

Il futuro del pianeta non è poi così scontato e non c'è niente di nuovo visto il continuo ingrandimento del buco dell’ozono e il lento sciogliersi dei ghiacciai, ma secondo uno studio pubblicato su alcune riviste scientifiche i primi disastri climatici potrebbero avvenire già entro i prossimi 10 anni.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Obama annuncia piano per il contrasto ai gas serra

Barak Obama lancia il Clean Power Plan

cambiamenti climatici stanno preoccupando tutto il mondo al punto che, a distanza di sei mesi dalla conferenza sul clima che si terrà a Parigi il prossimo 30 novembre, il Presidente americano Barack Obama, preannuncia importanti sviluppi proprio nella lotta ai cambiamenti climatici. La nuova strada da intraprendere porta il nome di Clean Power Plan e si tratta di un piano che riceverà l'approvazione in breve tempo e punta alla riduzione delle emissioni dei gas a effetto sera, una battaglia che il Presidente Obama porta avanti da tanto.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Nasce il software per il monitoraggio dell'ambiente

Aree naturali protette dell'Unione Europea

Alla University of Technology di Vienna è stato messo a punto un software che è in grado di perlustrare e preservare le aree protette di tutta l'Unione Europea. Con questo nuovo metodo è possibile creare una mappa tridimensionale dell'area in questione tramite gli impulsi laser che provengono dagli aerei in transito sulla zona. L'altezza dalla quale il software agisce per effettuare l'analisi del territorio sottostante è compresa tra 500 e 2000 metri.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ecomafia 2015: rapporto Legambiente traccia bilancio attività illegali

Ecomafia 2015: rapporto Legambiente

Legambiente ha reso noto il bilancio delle attività illegali riguardanti i reati contro l'ambiente nel rapporto denominato Ecomafia 2015. Il fatturato illegale è cresciuto di 7 miliardi, dai 15 del 2013, sono diventati 22 nel 2014, con la media di 80 reati al giorno. Il rapporto viene reso pubblico poche settimane dopo l'approvazione della legge contro i reati ambientali.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter