Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Attacco terroristico in Costa D'Avorio

La sparatoria è avvenuta sulla spiaggia di Grand Bassam, in Costa d'Avorio, che dista circa 40 km dalla capitale. L'attacco ha avuto come obiettivi tre hotel e ha provocato la morte di 14 civili e 2 soldati. Questi i dati della strage forniti direttamente dal presidente ivoriano Alassane Ouattara, dopo essersi recato nei posti in cui si è verificato l'attentato terroristico. Alcuni assalitori sono stati uccisi, e in queste ore la Farnesina sta cercando di capire se siano rimasti coinvolti anche nostri connazionali. Intanto il presidente francese Francois Hollande ha comunicato che nello scontro ha perso la vita "almeno un francese".

terroristi che hanno sferrato l'attacco, secondo le testimonianze di un ufficiale militare al giornale "Le Monde", erano tutti giovani di circa 30 anni e pretendevano che le vittime urlassero le parole "Allah Akbar" (Dio è grande) prima di sparargli contro. Queste dichiarazioni sono state confermate anche da altri testimoni che hanno assistito alla tragedia.

La Costa d'Avorio, per la prima volta è rientrata tra gli obiettivi di un attacco ad opera di terroristi. Le vittime sono state numerose, nonostante negli ultimi mesi l'allerta e i livelli di sicurezza nel Paese fossero stati innalzati, in seguito agli attentati jihadisti avvenuti in Burkina Faso e in Mali.

Spari in spiaggia

Il commando era formato da almeno dieci terroristi, di cui 5 sono riusciti a scappare, mentre gli altri sono stati colpiti dalle forze dell'ordine che hanno riferito anche di 4 europei tra le vittime. I testimoni citati dalle fonti di stampa, hanno parlato di uno sbarco via mare degli attentatori, armati fino ai denti e con i volti coperti dai passamontagna. Questi hanno iniziato a sparare a caso, costringendo le persone ad inginocchiarsi e a gridare "Allah è grande", senza risparmiare nemmeno i bambini. In rete sono state pubblicate molte foto che ritraggono alcuni corpi insanguinati riversi sulla spiaggia e vicino al mare, e alcuni video che mostrano i turisti in fuga dalla spiaggia, in direzione degli alberghi. 

La dinamica dell'attentato fa pensare subito al massacro di 39 persone avvenuto lo scorso anno in Tunisia, anche se in questo caso è stato rivendicato da Al Qaeda.

 

 

Chi Sono
Danilo Castrechini
Author: Danilo CastrechiniWebsite: http://caidoo.altervista.org
Nato a Roma, laureato in Ingegneria Informatica, ideatore del brand Portale Caidoo. Ho da sempre due passioni: la scrittura e l'AS Roma. Nel 2014 ho pubblicato il mio primo libro "Vaniglia". Scrivo principalmente di cose che mi interessano e appassionano, cercando di dare un punto di vista diverso dalla solita informazione.

Google+

Twitter

Collaborazioni

Tag Popolari