Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Anonymous, nuovo video contro Isis: 'Siamo vicino ai vostri leader'

Anonymous minaccia ancora Isis

Continua l'operazione portata avanti dagli attivisti di Anonymous contro lo Stato Islamico. Il gruppo di "hacktivisti" più popolare in rete ha infatti pubblicato un nuovo video, tradotto in varie lingue tra cui anche l'italiano, in cui minaccia senza giri di parole i miliziani dell'Isis: 'Sappiamo che avete paura, sappiamo che vi nascondete come topi in trappola. E non ci fermeremo'.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Strage Parigi, Abaaoud: 'Vedrete cosa succederà a Natale, siamo ovunque'

Abdelhamid Abaaoud, mentre della strage di Parigi

La strage di Parigi del 13 novembre ad opera dei terroristi dell'Isis doveva essere solo la punta di una serie di attentati programmati per i giorni delle festività natalizie, come riportato da 'Il Corriere'. E' trapelato, infatti, che la mente degli attentati Abdelhamid Abaaoud avrebbe confessato alla cugina, uccisa nel blitz di Saint Denis, che i suoi uomini avrebbero compiuto altri attentati anche nei quartieri ebraici senza risparmiare i trasporti pubblici francesi e le scuole.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Mafia Capitale: inizia oggi la seconda udienza del processo

Seconda udienza del processo Mafia Capitale

Riprende nell'aula bunker di Rebibbia il maxi processo di Mafia Capitale che è iniziato lo scorso giovedì 5 novembre a piazzale Clodio, sede del tribunale di Roma. A presiedere sarà il giudice Rosanna Ianniello, della decima sezione penale, davanti a tutti gli imputati ad eccezione di Massimo Carminati, il suo braccio destro a capo delle cooperative e gestore della parte amministrativa, Salvatore Buzzi, e dell'ex Nar Roberto Brugia che saranno collegati in videoconferenza.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Captagon: droga usata dai jihadisti finanziata dall'occidente

Pastiglie di Captagon usate dall'Isis

In occasione, alcuni giorni fa, di uno degli incontri del G20 ad Antalya, in Turchia, il presidente russo Vladimir Putin ha confermato una verità scomoda che tutti sanno, ma che nessuno osa dire: alcuni cittadini dei Paesi che si sono riuniti al G20 finanziano lo Stato Islamico e altri gruppi estremisti del medio oriente. I soldi servono poi ad acquistare armi, addestrare i miliziani ed a trafficare illegalmente petrolio e, secondo molti analisti, arrivano dal Qatar e dall'Arabia Saudita. Inoltre, gli stessi paesi, forniscono ai militanti dell'Isis anche tipi di droghe che servono a dare coraggio per compiere attentati e decapitazioni.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Parigi sotto attacco, l'Isis sconvolge il mondo. Più di 120 morti in sei attacchi

'Peace for Paris': il logo creato da Bansky dopo gli attacchi di Parigi

Parigi ritorna in quell'atmosfera di terrore che l'ha sconvolta durante l'attacco al giornale satirico Charlie Hebdo del 7 gennaio scorso, questa volta è stata scossa da una serie di attacchi ad opera dei combattenti dello Stato Islamico, strage rinominata già "l’11 settembre francese". Gli attentati sono avvenuti in sei posti diversi, un’azione ben coordinata che è stata rivendicata dall’Isis. Secondo le ultime stime che ci giungono dalla Francia, ci sarebbero almeno 127 morti e quasi 200 feriti, alcuni dei quali versano in gravi condizioni. Mentre si contano otto terroristi, sei dei quali sono morti poichè si sono fatti saltare in aria negli attacchi kamikaze.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter