Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Scandalo Vatileaks: le riforme di Francesco non piacciono a qualcuno

Vatileaks, nuovo scandalo in Vaticano

Il giorno dopo gli arresti dei presunti "corvi" della Santa Sede fonti vaticane affermano che il Papa è deluso, ma sereno ed è pronto ad andare avanti con determinazione. Questo lo stato d'animo del Pontefice che starebbe preparando anche il suo prossimo viaggio pastorale in Africa centrale senza dare troppo peso alla fuga dei documenti riservati dal Vaticano.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Tangenti a Roma, appalti truccati per la viabilità capitolina

Grande Viabilità di Roma, gare truccate

Ancora un giro di tangenti, questa volta a Roma, che ha portato agli arresti domiciliari due imprenditori e un funzionario del Comune di Roma Capitale - Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana (S.I.M.U.), con l'accusa di corruzione e turbata libertà degli incanti. Tramite alcuni passaggi di denaro sarebbero state condizionate le gare d’appalto per la manutenzione e la sorveglianza delle strade della Grande Viabilità della città.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Isis, distrutto l'Arco di Trionfo a Palmira: era antico di 2000 anni

L'Arco di Trionfo a Palmira (foto @PalmyraPioneer)

I miliziani dell'Isis hanno fatto esplodere l'antico arco di trionfo della città di Palmira. L'opera risaliva all'epoca romana di almeno duemila anni fa. Lo apprendiamo dal sovrintendente alle antichità siriane citato da 'Skynews'. L’esercito dell'autoproclamato stato islamico ha conquistato il sito archeologico lo scorso maggio ed il 19 agosto ha decapitato l’archeologo che custodiva il sito, Khaled Assad.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Materiale radioattivo all'Isis: allarme sui contrabbandieri dell'Europa dell'Est

L'Isis ha a disposizione materiale nucleare?

Alcuni contrabbandieri, sospettati di avere dei legami con la Russia, hanno alimentato nei mesi scorsi il mercato nero di materiale nucleare nell’Europa dell’Est, a volte con l’intenzione di vendere le armi ai combattenti dell’Isis ed anche agli altri gruppi estremisti del Medio Oriente. Lo apprendiamo dalle pagine dell’ Associated Press, la cui inchiesta ha reso noto come le autorità dell’Europa dell’Est, insieme all’Fbi, in questi ultimi cinque siano riuscite a bloccare quattro tentativi di vendita di materiale radioattivo ad opera di bande criminali, sospettate di avere legami con la Russia. L’ultimo arresto risale allo scorso febbraio, quando un trafficante cercò di vendere ai militanti dello Stato Islamico grandi quantità di cesio, «sufficiente a contaminare numerose città».

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Oregon, ancora strage in un college, l'annuncio anche sul web

La strage all'Umpqua Community College

Chris Harper Mercer, 26 anni, una personalità «poco socievole» che si isolava dagli altri e con il pallino per le armi da fuoco è stato riconosciuto come autore del folle gesto che ha causato l'ultima strage in un college americano. Il giovane ha ucciso 9 persone all'Umpqua Community College, di Roseburg nell'Oregon, per poi ingaggiare uno scontro a fuoco con la polizia che gli è costato la vita.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter