Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Renzi alla Ue: «Bruxelles non può intromettersi sulle nostre scelte»

Matteo Renzi risponde a Bruxelles

«Da Bruxelles non devono interferire sulle scelte di uno Stato. Sicuramente aboliremo le tasse sugli immobili». Questa volta Renzi ha risposto in maniere decisa alle richieste dell'Europa, in seguito all'uscita del documento con cui la Commissione europea analizza i Paesi membri, valutandone il sistema fiscale, affermando che non ci si può intromettere nella politica degli Stati.

«L'Europa dovrebbe aiutare di più i Paesi che la costituiscono non fare la maestra che spiega le tasse». Presente a New York, per l'Assemblea dell’Onu, Renzi richiama l'attenzione sulla questione. «Un anno fa mi trovavo qui con l'elenco delle riforme da fare. Ora il 90% di quelle cose è stato portato a termine o quasi» dunque, secondo il presidente del Consiglio, c'è soddisfazione per i passi in avanti compiuti «le promesse non sono cadute nel vuoto». L'eliminazione dei balzelli nel ramo delle prime case riporterebbe sicuramente fiducia nel Governo e nel premier Renzi poiché molti italiani sono possessori di una casa di proprietà. Per le famiglie ci sarebbe un notevole risparmio e togliere del tutto queste tasse significa per Renzi «dare un elemento di certezza e fiducia per il futuro». Le riforme fiscali ed economiche che sta portando avanti la maggioranza potrebbero «fare dell'Italia il leader futuro della Ue», ha assicurato il premier.

Sulla questione riforme

Matteo Renzi commenta anche la mole di emendamenti presentata da Calderoli contro la riforma del Senato: «L'ostruzionismo non ci fermerà, gli italiani vogliono cambiare il loro futuro», ha detto il presidente. «Non ci saranno rallentamenti, la legge verrà approvata dai senatori. Presentare 80mln di emendamenti evidenzia come esiste solo la voglia di rallentare il Governo piuttosto che migliorare il decreto legge usando modalità tecniche non conformi al regolamento. Per votarli tutti ci vorrebbero anni».  Renzi ha incontrato al Palazzo di Vetro anche il presidente egiziano al-Sisi con cui ha discusso di Libia e delle questioni dei migranti e del Medio Oriente.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter