Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Quando i futuri mamma e papà decidono di optare per la conservazione delle cellule staminali cordonali del bimbo in arrivo, scelgono di mettere al sicuro una risorsa preziosa sia per il piccolo che per tutta la sua famiglia. Numerosi, infatti, sono gli esempi al mondo che testimoniano l’utilità in campo clinico delle cellule staminali per il trattamento di diverse patologie.

Leucemia
In Illinois, per esempio, proprio grazie a un trapianto autologo di cellule staminali cordonali conservate alla nascita, una bimba di 9 anni è riuscita a fronteggiare con esito positivo la sua malattia, una leucemia linfoblastica acuta1.

Anemia
Stesso lieto fine per Jan, un bambino tedesco di 5 anni affetto da una anemia aplastica, una disfunzione nella produzione di midollo osseo. La malattia è stata trattata con il sangue cordonale del suo fratellino, questo ha consentito al piccolo di venir dimesso dall’ospedale2 e di avere una vita sotto quasi tutti gli aspetti simile a quella dei suoi coetanei, come racconta la mamma: Grazie al trapianto, Jan può di nuovo fare praticamente quasi tutto quello che fanno gli altri bambini della sua età. Oggi sappiamo che a sua malattia avrebbe potuto essere trattata così già in precedenza se il suo stesso sangue del cordone ombelicale fosse stato disponibile. Anche Charlie Whitaker, grazie alla staminali cordonali, ha potuto dire addio alle frequenti trasfusioni cui era sottoposto a causa dell’anemia di Blackfan-Diamond che inibiva in parte la produzione dei globuli rossi.

Malattie genetiche rare
Sempre grazie a un trapianto di cellule staminali cordonali prelevate al fratello minore, a Pavia, un bambino di sette anni può oggi affrontare una rara malattia genetica che lo priva delle difese immunitarie3.

Esempi positivi che inducono a riflettere sull’importanza di preservare un patrimonio così importante come quello delle staminali presenti nel cordone ombelicale e che purtroppo, per mancanza di una corretta e diffusa informazione, viene ancora troppo spesso sprecato.


Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

1 Il caso è stato presentato sulla prestigiosa rivista specializzata "Pediatrics" con un articolo dal titolo: “Blood Transplantation in the Treatment of a Child With Leukemia.” (Pediatrics 2007; 119: e296-e300)

2 Trapianto eseguito in data 26 settembre 2005 presso la Facoltà di Medicina di Hannover

3 Fonte: ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori

Chi Sono
Sorgente
Author: SorgenteWebsite: http://www.sorgente.com/
Sorgente si impegna quotidianamente nel dare alle famiglie informazioni chiare, esaustive e supportate da fonti autorevoli sulla conservazione delle staminali cordonali. Uno staff di consulenti biotecnologi qualificati è a disposizione delle famiglie per approfondire ogni aspetto di questo argomento così che possano scegliere in modo consapevole e informato come disporre del patrimonio biologico presente nel cordone dei loro bimbi.

Collaborazioni