Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}
Medico

E’ ormai provato scientificamente che le cellule staminali del cordone ombelicale possono trattare numerose patologie. I futuri genitori sono quindi sempre più interessati a conoscere le procedure attraverso cui vengono prelevate e conservate queste cellule così preziose per la salute di tutta la famiglia.

Il processo per la conservazione delle cellule staminali inizia al momento del parto con il prelievo del sangue cordonale, indolore e sicuro per madre e neonato, effettuato dall’ostetrica attraverso un apposito ago. Il campione di sangue viene trasferito in una sacca ematica con all’interno del liquido anticoagulante e trasportate nella biobanca scelta dove saranno eseguite le necessarie analisi per accertare le condizioni del campione cellulare prima di passare alla conservazione vera e propria.

Una volta verificati parametri come cellularità e volume, e dopo i controlli per escludere la presenza alcuni batteri, il campione viene posto in biocontainers che conservano le cellule in azoto gassoso o liquido a -196°. Per garantire la conservazione anche in casi emergenza le stanze in cui sono posti i biocontainers sono dotate di allarmi che intercettano anche la minima variazione della temperatura. All’interno dei biocontainers, inoltre, sono presenti fonti di riserva di azoto che vengono utilizzate in caso di black-out e guasti elettrici.

Recenti studi scientifici hanno dimostrato che le cellule cordonali conservate come descritto nelle righe precedenti mantengono le loro caratteristiche e sono utilizzabili ai fini di un trapianto fino a oltre vent’anni. In particolare, una ricerca sperimentale ha dimostrato che cellule staminali conservate per 24 anni quando  infuse in un modello murino, non solo hanno proliferato nell'ospite ma si sono dimostrate in grado di ripopolare il midollo quando infuse in un secondo animale. Questo studio del 2010, così come altri pubblicati successivamente, offre una dimostrazione concreta delle potenzialità delle cellule staminali del cordone crioconservate per molti anni dando, quindi, prova dell’efficacia della conservazione negli anni a venire.

 

Per ulteriori informazioni: www.sorgente.com

 

Note

1. Broxmeyer, H.E., Cord blood hematopoietic stem cell transplantation in StemBook, T.S.C.R. Community, Editor. May 26, 2010.

Chi Sono
Sorgente
Author: SorgenteWebsite: http://www.sorgente.com/
Sorgente si impegna quotidianamente nel dare alle famiglie informazioni chiare, esaustive e supportate da fonti autorevoli sulla conservazione delle staminali cordonali. Uno staff di consulenti biotecnologi qualificati è a disposizione delle famiglie per approfondire ogni aspetto di questo argomento così che possano scegliere in modo consapevole e informato come disporre del patrimonio biologico presente nel cordone dei loro bimbi.

Collaborazioni

Tag Popolari