Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Facebook, nuova sezione per i video. Lanciata sfida a YouTube

Facebook testa la nuova sezione video

Facebook punta al mercato dei video online, sfidando colossi come YouTube. Il social network in blu ha comunicato che è in fase di test una nuova sezione dedicata esclusivamente ai video, dove l'utente potrà pubblicare i filmati o condividere quelli di amici, personaggi famosi o vedere i filmati consigliati direttamente da Facebook. La piattaforma, che ad aprile ha raggiunto i 4 miliardi di visualizzazioni dei video, punta ad ampliare questo settore in modo da ottenere maggiori ricavi pubblicitari ad essi collegati.

Dopo l'introduzione dei mesi scorsi di altre nuove funzionalità come i filmati a 360° e le immagini profilo animate, arriva anche la nuova sezione video annunciata dalla Newsroom ufficiale della piattaforma di Menlo Park. Will Cathcart, vicepresidente del Product management di Facebook, sul sito spiega infatti: «Stiamo testando un luogo dedicato a tutti gli utenti che vogliono esclusivamente guardare video. La nuova sezione offrirà una maggiore user experience, aiutando gli iscritti a vedere e condividere i filmati di proprio interesse».

A differenza di adesso, nelle news feed la visualizzazione dei video è principalmente occasionale e casuale, a discrezione dell'utente, con questa nuova funzionalità invece si potrà partecipare attivamente sia nel caricamento di nuovi contenuti multimediali che nel dedicare tempo alla loro visualizzazione quando risulterà più comodo al singolo utente, ad esempio la sera o durante i nostri spostamenti.

Giornalmente si può contare su oltre quattro miliardi di visualizzazioni dei video e questo considerevole numero ha spinto il social network ad etichettare questo aspetto come fondamentale per il proprio business: per questo motivo è partita la sfida agli altri strumenti attualmente on line, come YouTube, per riuscire a prendere anche una fetta di questo mercato.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter