Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Cyber attacchi a profili Twitter: hacker 'pagati da governi'

Cyber-attacco da hacker governativi

Twitter ha avvertito alcuni utenti che potrebbero essere stati oggetto di un attacco informatico al proprio profilo da hacker sponsorizzati da alcuni governi. Per la prima volta Twitter lancia un simile allarme, dopo annunci simili divulgati da Facebook e Google. Il gruppo preso di mira è comunque ristretto secondo il social del cinguettio che, però, non fornisce maggiori informazioni sugli autori del cyber attacco.

Secondo la e-mail che ha inviato il servizio di microblogging agli utenti che hanno subito l'hackeraggio del profilo, l'attacco potrebbe avere come scopo il furto di informazioni personali degli utenti come indirizzi email, indirizzi IP e/o numeri di telefono. Il messaggio di avviso recita così: “Caro @utente, come precauzione ti avvisiamo che il tuo account fa parte di un piccolo gruppo che potrebbe essere preso di mira da hacker state-sponsored”. Inoltre Twitter ha specificato nella mail di non avere prove concrete che gli hacker siano riusciti con successo ad ottenere le informazioni e continuerà ad aggiornare gli interessati sullo sviluppo delle indagini in corso. "In questo momento, non abbiamo alcuna prova che hanno ottenuto informazioni sul tuo account, ma stiamo indagando attivamente", avverte la mail come riportato da Coldhak, un'organizzazione no-profit che si è vista recapitare una copia della lettera inviata da Twitter. "Non abbiamo altre informazioni da poter fornire al momento."

Utilizzare Tor Project

Per ovviare al problema Twitter suggerisce l'utilizzo della rete Tor, un sistema di comunicazione anonima per Internet molto popolare, che fornisce una maggiore protezione della privacy oltre a proteggere i dati sensibili che gli hacker starebbero cercando di rubare. Il problema, come ricordato dal 'Financial Times', è che gli stessi “state-sponsored hacker” utilizzano i sistemi più sofisticati grazie alle risorse fornite dai governi che si celano dietro agli attacchi.

Un'altra preoccupazione per Twitter che si aggiunge alla scarsa crescita delle iscrizioni al social network; inoltre Facebook e Google hanno iniziato ad attivare dei sistemi di notifica automatica una volta riscontrata la possibilità di un attacco proveniente da 'hacker governativi', una precauzione che lascia intendere come tali attacchi possano diventare sempre più frequenti.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter