Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Facebook Messenger, Zuckerberg annuncia nuovi strumenti per sviluppatori

Facebook Messenger: nuove funzionalità per l'app di messaggistica

Inizia una nuova era per i social network, più precisamente quella delle chatbot. A San Francisco, il creatore di Facebook, Mark Zuckerberg, annuncia alcuni nuovi strumenti che consentiranno agli sviluppatori di elaborare i bot per l'applicazione Facebook Messenger. Entriamo quindi in una nuova fase evolutiva in cui gli utenti avranno a disposizione servizi di intelligenza artificiale in grado di dialogare molto similmente agli esseri umani. 

60 miliardi di SMS

Giornalmente vengono inviati tramite Messenger e Whatsapp, le due applicazioni per chattare di proprietà del social in blu, circa 60 miliardi di messaggi al giorno. A confermarlo è proprio Zuckerberg durante la conferenza degli sviluppatori F8 a San Francisco, dichiarando: 'Crediamo che dovreste poter scambiare i messaggi con le aziende nello stesso modo in cui lo fate con gli amici', introducendo così la nuova possibilità per gli sviluppatori di creare i chatbot, dei veri e prorpi assistenti virtuali che possono dare informazioni e servizi direttamente nella chat di Messenger. I chatbot sfruttano l'intelligenza artificiale, uno dei tre obiettivi su cui Facebook vuole investire da qui a 10 anni, oltre alla realtà virtuale e l'accesso a Internet per tutti.

Questi chatbot sono in grado di capire le richieste di informazioni degli utenti e, secondo le società interessate, consentiranno un miglioramento nei servizi offerti ai loro clienti. Sull'app di messaggistica saranno dunque messi a disposizione gli assistenti virtuali che, con alle spalle operatori umani, ci permetteranno di ottenere informazioni sulla spedizione di un articolo, sulla prenotazione di una camera in un albergo o su un volo aereo oppure più semplicemente un regalo da dover recapitare.

Le aziende, dietro pagamento ovviamente, potranno sfruttare il grande successo di Messenger, applicazione usata da 900 milioni di persone in tutto il mondo, Facebook invece potrà monetizzare finalmente questo servizio. La scelta comunque rimane all'utente, infatti Zuckerberg ha sottolineato che saranno sempre le persone a decidere quali messaggi ricevere e da quali aziende onde evitare i messaggi invasivi e lo spam. Ci sarà la possibilità di silenziare o bloccare le comunicazioni indesiderate e saranno divulgate regole precise di utilizzo alle quali sia le società che gli sviluppatori dovranno attenersi.

In futuro il Ceo di Palo Alto spera che lo sviluppo di questa intelligenza artificiale possa essere applicabile anche ad altre tecnologie in modo da cambiare il nostro modo di navigare, leggere news e guardare o condividere sui nostri profili le esperienze di vita quotidiana. A detta di Mark Zuckernerg: 'Stiamo costruendo una tecnologia che cambierà il modo in cui noi tutti vediamo il mondo'.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter