Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

logo r

Twitter acquista Periscope ed il web impazzisce

Twitter presenta l'app Periscope

Dopo aver acquistato Vine e Vimeo, per appena 100 milioni dollari, ecco che Twitter si è aggiudicata anche Periscope. Lanciato poco tempo fa è la nuova frontiera del video streaming da mobile.

I fondatori dicono: "Volevamo costruire la cosa più vicina al teletrasporto" e per ora sembra che ci siano quasi riusciti, perché trasmettere in diretta attraverso lo smartphone può permetterti di passare da un ufficio a Dubai al red carpet a Hollywood in poco tempo, magari passando per un programma televisivo o qualche concerto nostrano. Senza contare, almeno per il momento, il potenziale giornalistico di questa nuova app per il live streaming.

 

Ovunque vi troviate potrete semplicemente, accendere la videocamera e mostrare in diretta ai vostri followers quello che state facendo o vedendo. Ma partiamo dal principio. Come funziona Periscope?

L'app è gratuita e si scarica come qualsiasi altra applicazione per cellulare, ci si registra con il proprio account Twitter (cosa che vi permette già di seguire i vostri contatti), a questo punto non rimane altro da fare che scorrere la timeline per assistere in diretta a tutto ciò che succede nel mondo.

Però non finisce qui, Periscope permette di interagire in tempo reale con il broadcaster che sta trasmettendo tramite messaggi e cuori (come il "like" di Facebook). Basta andare sulla finestra "say something" per comunicare con chi ha creato la diretta, che a sua volta potrà rispondervi.

In potenziale di questa app è qualcosa di incredibile: può essere usata in ambito giornalistico, ad esempio ad una conferenza o ad una manifestazione, dando la possibilità di trasmettere da qualsiasi parte del mondo. Oppure può essere usata sul luogo di un incidente o disastro, riuscendo a vedere in tempo reale ciò che accade, se arrivano i soccorsi, se ci sono vittime eccetera. I settori dove è possibile usarla sono davvero molti: musica, tv, giornalismo, sport.

L'obiettivo che gli ideatori volevano raggiungere è una diffusione maggiore dello streaming, che però comporta sicuramente qualche rischio. Come il fatto che assisteremo a molte dirette inutili, come per esempio "pomeriggio di sole Londra". Per ora comunque i numeri sono positivi con oltre 27.000 tweet al giorno con l'hashtag #Periscope, che è riuscita a conquistare anche il presidente Obama. Speriamo solo di non vedere le ennesime avventure dei gatti di tutto il mondo.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Newsletter

Collaborazioni

VETRINA LIBRO

Google+

Twitter